Do not disturb me (but my Pebble Time)

I’m using this feature all nights starting the day Apple introduced it into iOS 6. But in this wearable times I tested it in deep to maximize both my Pebble Time role and my iPhone 4S battery: all notifications and alerts are already sent to my smartwatch, so I thought  I could mute them on my iPhone that wouldn’t need to light the screen and consume energy.

But the description in the “Do not disturb” section is a bit misleading as it is often translated in other languages in ways that suggest that alerts will be muted, while the original English version says they will be “silenced” and this explain the real behavior: if you enable this setting iOS will drop your call.

The solution is to enable “Do not disturb” but granting “All Contacts” to call you. My iPhone will accept as usual the calls (and it will ring and light the screen) , but it will not show all the others alerts and notifications for SMS, email and other app keeping the screen off. My Pebble Time will keep on showing them as usual and I could unlock the iPhone only for important task so to preserve my battery life.

ios7_not_disturb iphone6-ios9-settings-do-not-disturb

Do not disturb me (but my Pebble Time)

Continuum

La prima feature di questo tipo fu annunciata da Ubuntu Phone, mai esploso e restato in un limbo da cui non penso uscirà mai, a causa del solito, banale ma bloccante problema della disponibilità di applicazioni.
Ritengo Continuum molto interessante: ti siedi, metti lo smartphone in una dock con collegato un monitor ed eventualmente una tastiera, e fai il 90% delle cose che ti servono, semplicemente godendo di uno schermo decente (inoltre ci vedo potenzialità da BYOD all’ennesima potenza). Stiamo parlando di attività di routine: internet-working, office-automation e simili, ma non escluderei anche discreti risultati nel video e foto editing. Abbiamo in tasca strumenti con potenza di calcolo in molti casi paragonabile (se non superiore)  a notebook di fascia medio-bassa, che se va bene sfruttiamo al 20-30%.

Continue reading “Continuum”

Continuum

Uuh uuh Uuuuuh

Non mi era particolarmente simpatica e non penso fosse nemmeno molto competente. Ma chiedere ad un’orda di tifosi di non fare il verso della scimmia a Balotelli o altri giocatori di colore o strapparsi i capelli per il razzismo negli stadi dopo aver deciso che dare dell’Orango alla Kyenge va bene è come chiedere ad un artigiano di pagare le tasse dopo aver accettato da Valentino Rossi 20 milioni sui più di 100 contestati. E non menatemela con la Costituzione: quella non era una opinione, ma un insulto bello e buono.
Uuh uuh Uuuuuh

Manca Oracle

Dopo la partnership con IBM ora anche quella con Cisco: come sono lontani i tempi del “Grande Fratello” che il Macintosh voleva abbattere nel Gennaio del 1984. Ad occhio e croce manca ancora un tassello affinchè iOS possa essere protagonista anche nel mondo enterprise, ovvero una profilazione efficiente del device che permetta di switchare velocemente da una modalità personale ad una modalità aziendale protetta e certificata, un pò come avviene (unica novità per ora distintiva) su BB10 con Balance, che separa i dati e le app in base alle necessità senza che sia necessario cambiare utenza (soluzione adottata invece da Android). Apple su questo campo per ora è indietro: permette profilazioni molto granulari (di tipo enterprise, ma anche per i minori), ma con poca flessibilità sul cambio veloce di profilo e nessuna logica di multi-utenza e rende quindi necessario avvalersi di programmi MDM di terze parti.
Manca Oracle

Errare humanum est, perseverare autem diabolicum5s

Speravo che qualcosa sarebbe cambiato invece evidentemente M5S inizia con gli stessi passi falsi del giro precedente: Grillo ha pubblicato le “nuove” regole per potersi candidare nel M5S alle prossime politiche e sono… quelle vecchie. Restano quindi le gravi storture che hanno portato ad avere in parlamento un’alta percentuale di incompetenti. Le regole infatti permettono di candidarsi solo ad iscritti M5S che si siano già candidati in liste M5S in precedenza ma non siano attualmente in carica. Avremo quindi molti trombati a livello locale che ottengono una nuova vetrina in un pacoscenico dove possono fare più danni, mentre quelli buoni (che esistono) devono finire il proprio mandato locale senza poter dare un contributo significativo a livello nazionale, e probabilmente senza mai poterlo dare in futuro, dato che i due mandati sembrano essere trasversali ai vari livelli elettivi.
La sostanza è che dietro ad una finta democrazia interna si impedisce l’ingresso a forze fresche, magari un pò più preparate e competenti, preferendo mantenere il controllo della truppa che di fatto è composta da un ristretto numero di teste pensanti (ben allineati alla linea Grillo&Casaleggio) e un branco di pecoroni. Eventuali ribelli al solito verranno fatti fuori in un modo o nell’altro.

Continue reading “Errare humanum est, perseverare autem diabolicum5s”

Errare humanum est, perseverare autem diabolicum5s

L’Open Source è una cazzata

Davvero ? Ne siete sicuri ? La vera rivoluzione informatica è iniziata 24 anni fa e tutto è cambiato, e non c’entrano Apple, Microsoft, IBM, Oracle, Sun o quello che volete, ma un semplice studente finlandese che ha deciso di rendere pubblico e condividere il suo lavoro (o gioco come lo definiva): medicina, scienza, ricerca, smartquellochevolete, automotive, trasporti, industria, pensate a qualsiasi settore e fidatevi, troverete un kernel linux da qualche parte.

“Hello everybody out there using minix –I’m doing a (free) operating system (just a hobby, won’t be big and professional like gnu) for 386(486) AT clones. This has been brewing since april, and is starting to get ready.”

(Messaggio pubblicato il 25 Agosto 1991 su comp.os.minix da Linus Torvalds)

L’Open Source è una cazzata

iPod Touch (Wifi + cellular)

If you like big modern smartphone this post is not for you. But if you love old-fashioned 4″ display I ask you to tell me what you think about this crazy idea.
In the last years the iPod product line end to be that great entry point in the Apple Walled Garden, replaced from iPhone family (in the last web site review the iPod tab disappeared from the main menu): why should I care about an iPod Touch if I can buy an iPhone 5C ? If you go deeper you’ll discover many great reason:
  • it’s cheaper: for half the price (€239 vs €429) you have double space (16GB vs 8GB)
  • you can choose a 128GB model to have in a small device all your personal media library (photos and music) to play on your AppleTV at home
  • it’s powerful thanks to the A8/M8 processors
  • it has a great camera (only the iPhone 6 is really better with its f 2/2 and 4.15 mm focal lenght)
  • it’s thinner (6,1 mm vs 8,27 mm, even better than the 6,9 mm of the iPhone 6)
  • it’s the most beautiful Apple mobile device (IMHO)
  • it fit best of other devices in you pockets
  • you can call and send messages to almost all of your friends and contacts with the updated apps available today (facebook messenger, whatsapp, skype, facetime, iMessage and so on)
There is only one big downside: it needs Wifi connection. But what about integrate a sim card in the iPod Touch ? I think that all the above are still true, maybe except for the thickness because it should include a modem in the network chipset and a cellular antenna: the same as the iPad version with cellular data connections. If Apple will make the final step as MVNO after the introduction of Apple SIM, this could be a new phone revolution.
iPod Touch (Wifi + cellular)