WWDC 2017

homepod

Lasciando le sbrodolate su iMac e iPad Pro ai siti specializzati mi focalizzo sulle tre novità che più cambieranno la mia user-experience nel walled-garden di Apple, portandomi ad abbandonare Dropbox a brevissimo, iniziare ad integrare nel mio palinsesto domestico anche Amazon Video Prime e a confermare che gli AirPods sono il migliore acquisto tecnologico che abbia mai fatto […]

Read

WWDC 2017

La prima volta per tutti e due. E’ stato fantastico.

contact-us-and-apple-pay-logo-806

Non so se è piaciuto più a me o a lui, ma l’espressione sul suo viso era eloquente e la goduria era palese per essere una prima volta per entrambi.

Pirla ! Non sto facendo outing, ma sia io che il cassiere sembravamo due bambini che stanno per aprire la porta della sala la mattina di S.Lucia per scoprire se siano arrivati regali o carbone. Solo che invece del pigiama indossavo un Apple Watch (e no, non ho ricevuto carbone).

Suggerisco alla Decathlon una nuova pubblicità: “Fai una corsa da noi ! Il portafoglio da oggi non ti serve più !”

La prima volta per tutti e due. E’ stato fantastico.

Contanti, carta o…

applepay

Stamane ho ricevuto una mail da Apple che confermava (finalmente) la disponibilità di Apple Pay in Italia grazie all’integrazione con Unicredit. Ho aperto Wallet su iPhone e in automatico avevo i dati della carta precedentemente associata al mio AppleID. Ho confermata la carta con il codice di verifica e abilitato l’uso via Apple Watch, il tutto in 2 minuti scarsi.

Ora mi resta solo da passare alla Auchan, afferrare il primo oggetto che mi capita a tiro e andare a fare lo sborone alla cassa sperando che tutto funzioni come da specifiche. Altrimenti vaglielo a spiegare tu alla vecchietta che ti vede appoggiare il polso al POS NFC che non sei tu lo schizzato ma che c’è un problema tecnico nel sistema di pagamento digitale.

 

Contanti, carta o…

Figlio di puttana ! Cornuto di merda !

muntari

Perchè non fermare le partite per difendere l’integrità morale di nostra madre o di nostra moglie (e nostro, poveri pirla) ?

L’insulto all’avversario non è sportivo ed è da biasimare, ma siamo sicuri che il razzismo, quello vero, c’entri qualcosa ? Quando a fischiare e insultare Balotelli erano addirittura i suoi tifosi davvero credete che il motivo fosse il colore della sua pelle ? Quale discriminazione ha impedito a questi professionisti di ottenere contratti milionari e una vita da privilegiati ?

Vorrei chiedere un parere su questa vicenda a chi invece di subire l’onta di un coro da stadio viene sfruttato nei campi al sud, o in turni massacranti in lavori che noi ci rifiutiamo di fare, o che peggio non riesce a trovare una occupazione per mantenere la famiglia perchè altrimenti “ruba il lavoro a noi italiani“.

Penso che sospendere la partita in situazioni simili non sia una soluzione per educare ad una sana cultura sportiva: sarebbe sufficiente usare foto e video per iniziare a dispensare DASPO a vita come noccioline. Certo, bisogna volerlo, sacrificando gli interessi di presidenti che pur di vedere gli stadi pieni (o meglio non troppo vuoti) e per garantirsi seguito e visibilità sono disposti a tollerare schifezze di ogni tipo.

Chissà però perchè cose simili non succedono dove le squadre sono propietarie dei propri stadi, dove possono fare del vero business, ma sono anche completamente responsabili della struttura e di quanto succede, rimettendoci soldi e immagine quando avviene il fattaccio,  senza poter scaricare responsabilità sul comune, sulle forze dell’ordine o su altri…

Figlio di puttana ! Cornuto di merda !

Techno Running

Un quintale di manzo italiano proveniente da una famiglia di infartuati che ha superato i 40: mi serviva uno stimolo per infilare scarpe e pantaloncini e riprendere da dove avevo smesso (troppo presto) lo scorso anno, ma questa volta facendo sul serio.

Per ora non vado oltre uscite di 10/12 Km a una media di 6′ 40”/Km, ma soprattutto inizio a sentire il “bisogno” di uscire dopo 2-3 giorni senza aver corso. Se aggiungiamo che la bilancia dice che da inizio anno (senza alcuna dieta abbinata) 6 Kg se ne sono andati, direi che a livello di ROI siamo messi bene…

PS: a breve una rapida carrellata delle app che sto usando su iPhone/Watch per monitorare la mia attività (per ora mi trovate su RunKeeper)

Techno Running

Accontentarsi e godersi la vita

Quando ho vinto la corsa a Suzuka, cioè dal momento in cui il destino del titolo mondiale era nelle mie stesse mani, è iniziata una grande pressione e ho cominciato a pensare di concludere la mia carriera nelle corse se fossi diventato il campione del mondo. Domenica mattina ad Abu Dhabi sapevo che sarebbe potuta essere la mia ultima gara e quella sensazione mi ha liberato la mente da ogni pensiero prima della partenza. Ho voluto godermi ogni aspetto di questa esperienza, sapendo che sarebbe potuta essere l’ultima volta… e poi le luci si sono spente e ho avuto i 55 giri più intensi della mia vita.

Nico Rosberg si ritira dopo aver vinto il suo primo mondiale di F1

Accontentarsi e godersi la vita

Il portiere col pigiama ha detto basta.

Durante questi Europei il portiere è riuscito a sfoderare tutti i colpi più magici del suo bagaglio, come se, prima di andarsene, avesse voluto dire: ricordatevi di me, ricordatevi di non prendervi troppo sul serio e di divertirvi. L’unico colpo che ha risparmiato ai suoi tifosi è la rimessa in gioco tirando il rinvio sulla traversa della propria porta. Leggenda vuole che Kiraly provasse svariate volte questo colpo in allenamento, ai tempi dell’ Herta Berlino, ma l’allenatore gli proibì categoricamente di farlo in partita. Lo stesso anno, l’ultima di campionato contro l’Amburgo, il pubblico cominciò a cantare di “tirare la palla”, sfidando il portiere a quel trick definitivo, ma quando Kiraly si voltò verso la porta tutti si ammutolirono e allora, lanciando un sorriso verso la panchina, rimise in gioco la palla normalmente.

(articolo completo)

Il portiere col pigiama ha detto basta.

3-2-1 Backup !

Experts recommend the 3-2-1 rule for backup: three copies of your data, two local (on different devices) and one off-site. For most people, this means the original data on your computer, a backup on an external hard drive, and another on a cloud backup service. With this system, you’re highly unlikely to lose all your data, even if your laptop gets stolen, your hard drive crashes, your house burns down, or the Internet as we know it dies. (If all of those things happen at once, well, you probably have bigger problems.)

(Source: TheWireCutter)

3-2-1 Backup !